20 Marzo 2016

Newsletter

La newsletter è un messaggio e-mail inviato da una società ai propri clienti , in ogni caso a quanti hanno aderito alla ricezione di questa comunicazione. Essa è dunque una comunicazione azienda-clienti. Può avere scopi promozionali o informativi. O un saggio mix di entrambi. E’ dunque soggetta alle stesse regole che determinano l’utilità degli strumenti di informazione e l’efficacia degli strumenti pubblicitari, ossia l’interesse del contenuto, l’immediatezza del messaggio, la qualità e la cura della forma.
Newsletter
Per l’azienda la newsletter è un valido strumento di contatto con il cliente: tiene viva l’attenzione al proprio sito, segnalando gli aggiornamenti e i contenuti particolari del sito stesso, che altrimenti rischierebbero di andare persi in una lettura frettolosa (non infrequente fra gli utenti internet).
Il ritorno per l’utente interessato al contenuto della newsletter, inoltre, ha un valore non indifferente. Facciamo un esempio: ipotizziamo che io sia un accanito musicofilo e che mi iscriva alla newsletter di un negozio di dischi online. Il redattore mi comunica una volta alla settimana i dischi in promozione e low price, le nuove uscite e le novità del panorama musicale. Io musicologo, potrò saziare la mia avidità di musica a prezzi convenienti ed essere sempre aggiornato sulle novità, senza dover perdere tempo a cercarle qui e là. Il proprietario del sito avrà un ritorno in visibilità della sua attività, venderà tutti i dischi low price, attirerà nuovi clienti. I fedelissimi accorreranno a comprare le novità non appena riceveranno la comunicazione ed egli avrà speso una somma irrisoria per la creazione della newsletter ma soprattutto zero euro per la stampa di volantini e zero euro per la loro distribuzione.
La frequenza | Un’altra osservazione importante riguarda la frequenza di spedizione.  
Gli elementi da considerare sono:
1) il costo della redazione di informazioni e contenuti nuovi
2) la durata di questi contenuti
3) l’interesse dell’utente (i cambi di borsa hanno interesse quotidiano per i broker, ma non interessa il musicofilo avere informazioni tutti i giorni dal suo negozio di musica).
È necessario pertanto studiare una frequenza di invio bilanciata sia sull’efficienza dei costi di approvvigionamento dei contenuti, sia sulla massimizzazione dell’utilità/piacere percepito dai vostri lettori.